Sostenibilità

Nuova cantina
e sostenibilità

L’evoluzione di Tenute Rubino non conosce sosta: il tema della sostenibilità ambientale è alimentato quotidianamente da pratiche agricole che mirano al rispetto della Natura e al minore impatto ambientale di tutte le fasi agricole. L’Azienda aderisce al Progetto VIVA e, dal 2016, al SQNPI (Sistema di Qualità Nazionale di Produzione Integrata) con certificazione da parte del OdC CSQA delle colture vite da vino e olivo.

Le pratiche colturali presso le tenute oltre ad essere conformi ai disciplinari e al sistema nazionale SQNPI, sono anche adottate secondo una filosofia aziendale più “restrittiva”. Molta attenzione è dedicata all’utilizzo delle risorse idriche scegliendo di non utilizzare l’irrigazione per la produzione, ma soltanto come soluzione “di soccorso”. Questa scelta è una strategia produttiva vantaggiosa per migliorare la qualità del prodotto, seppur a discapito dei quantitativi di produzione, e per tutelare le risorse idriche del territorio e la qualità dei terreni. Anche per il diserbo, Tenute Rubino ha sostituito il chimico con quello meccanico. La stessa filosofia ambientale ha animato la progettazione della nuova cantina: immersa tra i vigneti di Jaddico, sin dal suo progetto iniziale, prevede un modo nuovo di rapportarsi con il territorio, la natura circostante e i visitatori.

Nuova cantina e sostenibilità | Tenute Rubino | Casa del Susumaniello

Progettata secondo
i più recenti parametri
di eco sostenibilità, modernità
e rispetto per l’ambiente.

Con l’utilizzo di materiali caratteristici del territorio salentino, la nuova cantina di Jaddico si appresta ad essere il nuovo simbolo di Tenute Rubino. Lo stile è lineare per ridurre al minimo l’impatto con il territorio e per segnare uno stile ricettivo che punta a rendere indimenticabile l’incontro con una realtà unica nel territorio brindisino. Ogni singolo componente della struttura è stato pensato per il minor consumo di energia; tutti gli ambienti saranno coibentati per un controllo sostenibile della temperatura interna, riducendo il consumo di energia elettrica. Sono previsti l’utilizzo di energie alternative e sistemi per la riduzione del consumo di acqua.